I PUNTI CHIAVE

In cosa Credo

Una città sicura

Una città può essere vissuta bene quando è sicura. In tutte le zone cittadine dovranno essere favorite le iniziative di controllo ed integrazione sociale che scoraggino comportamenti pericolosi e criminosi. Attraverso l’apertura di attività aperte al pubblico fino a tarda sera, con l’attivazione di percorsi museali e culturali serali e notturni e con tutte le attività che favoriscono una fruizione diffusa dello spazio urbano si possono prevenire senza costi ed in maniera efficace le attività criminali.

Università

Trento da ormai quasi sessant’anni ospita un’università che nel corso del tempo ha raggiunto livelli di qualità assai elevati. Tuttavia la città ha fatto fatica a concepirsi come città universitaria nel senso classico del termine. Integrare meglio i due elementi fra loro potrà essere motivo di ulteriore rafforzamento dell’identità della città e della sua economia legata al commercio ed ai servizi.

Trento Smart City

La tecnologia offre potenzialità a tutt’oggi non pienamente e organicamente sfruttate dalla P.A. La stessa Città di Trento, seppure dotata di alcune applicazioni che consentono un più celere dialogo con il cittadino, risulta carente sotto alcuni profili. La nostra idea è dunque quella di rendere Trento DAVVERO “altamente digitalizzata” e “user friendly”, con un’evidente ricaduta positiva sulla qualità della vita dei cittadini e delle imprese, per l’evidente abbattimento dei tempi di attesa, e sulla efficienza, efficacia ed economicità dell’attività amministrativa.

Circoscrizioni

Noi crediamo nel decentramento politico-amministrativo e crediamo nella sussidiarietà verticale per cui riteniamo tutt’ora che le Circoscrizioni vadano mantenute e semmai valorizzate e potenziate quale strumento di ascolto del territorio e delle sue necessità. Certo su di esse andrà fatta una riflessione circa le competenze ed eventuali variazioni territoriali, ma tutto questo dovrà essere fatto non con operazioni di vertice ma sempre privilegiando il confronto e l’ascolto di queste realtà importantissime per la città.

CHI SONO

Laurea in Economia e Commercio

Economia politica

Vice Presidente nazionale UCID

Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti

Socio IAI

Istituto Affari Internazionali Roma

Socio Centesimus Annus

Fondazione Centesimus Annus Pro Pontifice

Presidente SSF Trentino

Sport Senza Frontiere Trentino APS

LA MIA CAMPAGNA È ALIMENTATA
DAI CONTRIBUTI DI SOSTENITORI COME TE

Diventa un volontario

Raccontaci qualcosa di te e di quello che saresti disponibile a fare

    Popolo iraniano

    Richiesta di sostegno

    Trento, 3 gennaio 2023

    Al Sindaco
    Al Presidente del Consiglio Comunale
    Loro sedi

    Spett.le Sindaco, Spett.le Presidente del Consiglio Comunale,
    sono Marcello Carli, consigliere del Comune di Trento.
    Scrivo la presente a seguito del momento delicatissimo che vive l’IRAN.
    In quel Paese, devastato da quarant’anni di regime teocratico ed antidemocratico, e negatorio dei principali diritti civili quali la libertà di abbigliamento e di parola, dopo la morte crudele di Masha Amini, ragazza barbaramente uccisa per non avere correttamente indossato il velo, migliaia e migliaia di ragazze e di ragazzi hanno iniziato una diffusa protesta per chiedere libertà, dignità e giustizia.
    Centinaia di questi sono stati arrestati ed uccisi, dopo tremende e crudeli torture, spesso impiccati. Molti tra queste e questi martiri erano eccellenti nello sport a livello internazionale.
    Ho scritto giorni fa una lettera all’Ambasciatore d’IRAN in Italia dichiarando di assumere il patrocino politico di un condannato a morte poco più che ventenne, e chiedere per lui clemenza ad un condannato. La sua colpa era quella di avere dato fuoco a dei cassonetti per protesta.
    Credo che se tutte le amministrazioni locali italiane ed europee, tutte le parlamentari ed i parlamentari italiani ed europei facessero lo stesso, creando una forte pressione internazionale, le cose potrebbero assumere una piega diversa e portare anche l’Unione europea ad assumere una posizione più chiara e coerente con i suoi valori costitutivi, fino anche ad interrompere le relazioni diplomatiche con l’IRAN.
    Ho promosso anche una petizione per chiedere la denuncia per crimini contro l’umanità della dirigenza criminale iraniana.
    Con la presente chiedo al Vostro Comune di assumere il patrocinio politico di un condannato a morte in IRAN e scrivere una lettera in sua difesa all’Ambasciatore iraniano in Italia.
    Allego all’uopo, a titolo di esempio, la lettera da me inoltrata all’Ambasciatore il 15 dicembre 2022, accanto all’ultimo elenco degli attuali (e conosciuti) condannati a morte.
    Confinando nella Vostra comprensione e nel Vostro sostegno,
    porgo un cordiale saluto,

    Marcello Carli

    Le ultime

    Novità da Facebook

    4 giorni fa

    MI CHIEDO CHE PROBLEMI ABBIANO COLORO CHE HANNO RESO VIRALE IL VIDEO DELL'ANZIANO CHE COMPIVA ATTI OXSCENI PRESSO UN DISTRIBUTORE DI BENZINA. UNA PERSONA CHE PARE FOSSE CHIARAMENTE IN STATO DI DISAGIO MENTALE.MA CHI DERIDE LE FRAGILITÀ ALTRUI DI QUALE CARENZA È AFFETTO?LA SOLIDARIETÀ E L’EMPATIA RENDONO IL MONDO PIÙ BELLO E ARMONIOSO, NON SEGUIAMO CHI CI SPINGE SULLA STRADA DELLA INDIFFERENZA,DELL’ESCLUSIONE E DELLA DERISIONE.IO NON HO GUARDATO IL VIDEO SEPPURE INVITATO A FARLO, E INVITO A MIA VOLTA VOI AD ASTENERVI E A CONDANNARE QUESTI ESECRABILI COMPORTAMENTI.@fan più attivi#empatia #rispetto #fragile ... Mostra di piùMostra di meno
    Vedi su Facebook

    6 giorni fa

    Vorrei dire, a chi agita lo spauracchio dell’ irreversibile negativa trasformazione della nostra società, che dovrebbe uscire dalla sua torre per cogliere l’apertura e l’inclusione che permea la società attuale.Quando sono fuori, nell’attraversare la folla, nel passare attraverso i luoghi pubblici, incontro un mondo variopinto, composto da coppie di diverso o dello stesso sesso, che si tengono per mano senza suscitare curiosità o altro nei passanti, di gioiosi gruppi di giovani di eterogenee nazionalità, condizioni fisiche ed economiche.E mi accorgo che basterebbe osservare, per capire che la nostra società si è evoluta e che ha abbattuto le barriere.Barriere che purtroppo restano ancora nella mente di quelle persone che hanno paura della multiculturalità, diventando facile preda delle strumentalizzazioni di candidati senza scrupoli e senz’anina.E mi chiedo ancora come sia possibile che in tanti, ancora, siano rimasti indietro e non abbiano colto il cambiamento, non come una minaccia, ma come un’evoluzione naturale, umana.#Societa #integrazione ... Mostra di piùMostra di meno
    Vedi su Facebook

    3 settimane fa

    Penso che: la generosità, intesa come attenzione alle esigenze e ai problemi dei cittadini, sia indispensabile per una seria pol!tica, ma non ne vedo traccia in quella attuale.La sanità arranca, il conflitto è alle porte di casa, aumentano le famiglie che non riescono ad arrivare a metà mese, la povertà galoppa, ma nessuno di questi temi è stato oggetto di discussione da parte dei vari partiti.L'unico argomento totalizzante è stato: la candidatura dei leader pol!tici e la presenza del loro nome nel simbolo per le competizioni europee di giugno.Come disse l'indimenticabile AlcideDe Gasperi: "uno statista pensa alle prossime generazioni, un pol!tico alle prossime el€zioni".Traete le vostre conclusioni. #generosità ... Mostra di piùMostra di meno
    Vedi su Facebook

    3 settimane fa

    Ci sono candidati politici che vorrebbero creare classi separate per i ragazzi diversamente abili sostanzialmente, segregando la diversità e annullando anni di studi che riconoscono il valore arricchente della inclusione. Questi candidati hanno manifestato strane idee anche con riferimento alla diversità degli orientamenti se44uali definendo chi non è eterose44uale come persone non normali.Ebbene, qualche giorno fa in Iraq è stata votata una legge che condanna a 15 anni gli omose44uali, vi sono poi paesi dove addirittura è prevista la pena di morte.Ricordo ancora che le forze na4iste e fasxiste perseguitarono anche gli omose44uali e i diversamente abili . Quindi, Attenzione a votare persone raz4iste perché il salto dalla democrazia alla dittatura è sempre stato breve. #diritti #dirittiumani #disability #discriminazione ... Mostra di piùMostra di meno
    Vedi su Facebook

    4 settimane fa

    Buon 25 aprile a tutte e tutti. Festeggiare il 25 aprile significa non solo, festeggiare il ritorno alla democrazia di un Paese e di un popolo che per oltre vent’anni è stato soggetto alla dominazione della tir@nnia fasxista, prima, e poi na4i-fasxista, ma significa anche ribadire il fatto che siamo contro le tir@nnie di oggi.Oggi, in un mondo globalizzato e fortemente integrato, festeggiare il 25 aprile significa ribadire che siamo contro le tir@nnie laddove queste esistono e calpestano i diritti umani, come accade nella Rusxia di Puxin, come accade nella repubblica islamica dell’Iran, come accade in molte altre parti del mondo. Per cui, festeggiare il ritorno alla libertà ed alla democrazia dell’Italia, significa anche ricordare e sperare che i Paesi che oggi soffrono la tir@nni@ possano presto essere liberati. Quindi festeggiare il 25 aprile significa festeggiare il diritto alla libertà ed alla democrazia di tutti.Buon #25april #Diritti #democrazia #libertà@fan più attivi ... Mostra di piùMostra di meno
    Vedi su Facebook